“Commissariati e Questure senza automobili per lotta criminalità e alla Direzione Centrale Immigrazione 14 AUTO!!! Cosa ne pensa il PRESIDENTE DELLA CAMERA FICO sull’uso delle auto?”

 

servizio-taxi“Quattordici (14) auto della Polizia che non vengono utilizzate per la prevenzione e la repressione dei reati, come si aspetterebbe un normale cittadino, ma per scorrazzare qualche “funzionario di Polizia e dell’Amministrazione Civile dell’Interno”, qua e là dentro Roma. Questo è il numero di auto che, sembrerebbe, sia utilizzato dalla Direzione Centrale Immigrazione e delle Frontiere per far fronte a qualche riunione ministeriale (tutte rigorosamente programmate!!!) e per fare il “giro posta”. E’ inaccettabile distogliere una quantità così elevata di auto della Polizia a discapito della Sicurezza dei cittadini, sapendo che ci sono Uffici, non solo a Roma, che non riescono a fare appostamenti o pedinamenti per mancanza di autovetture.”

– Così Luca Andrieri Segretario Generale di Roma di UGL – LES (Libertà e Sicurezza Polizia di Stato) torna sull’argomento dell’utilizzo indiscriminato ed ingiusto delle auto di Polizia presso gli Uffici del Ministero dell’Interno.

“Senza dimenticare i numerosi poliziotti – continua Andrieri – che anziché svolgere il loro servizio, assicurando il regolare svolgimento delle attività in materia di Immigrazione e Frontiere, vengono utilizzati in qualità di “autisti” per accompagnare “funzionari di Polizia e del personale Civile” in giro per Roma a riunioni alle quali potrebbero tranquillamente partecipare utilizzando i mezzi pubblici oppure i “buoni TAXI”, del quale ci risulta siano in possesso. Buoni taxi, metropolitana, bus o poliziotti come autisti? Meglio farsi vedere con l’auto blu e poliziotto al seguito……Al Presidente della Camera FICO, che sa cosa significa prendere l’autobus per andare al lavoro, gli basterebbe venire un giorno a farsi un giro (sempre rigorosamente in autobus….!!!) negli Uffici della Direzione Centrale Immigrazione per capire che le auto della Polizia non servono a combattere il crimine ma piuttosto come status symbol…… Cosa dicono le circolari ministeriali? Che l’uso delle autovetture di servizio dev’essere giustificato da improcrastinabili ed inderogabili esigenze di servizio……tranne che, vien da pensare, per la Direzione dell’Immigrazione che diventa un’irrinunciabile ed irrefrenabile occasione per non perdere le cattive abitudini……naturalmente in tempi di crisi!

Roma, 15/05/2018

 

Ufficio Stampa

Segreteria Nazionale

 

Condividi articolo