Controlli e Vigilanza della Guardia Costiera di Gaeta

cp-271

Guardia Costiera Gaeta

 

 

 

 

 

Come già annunciato nei giorni scorsi, continua la vigilanza in mare e lungo le coste ad opera della Guardia Costiera di Gaeta.

Tale attività, intensificata per l’approssimarsi del Ferragosto, vede l’impegno quotidiano dei militari a tutela del corretto uso del mare. Diversi gli interventi per reprimere condotte pericolose per la sicurezza della navigazione e della balneazione.

Le violazioni hanno riguardato essenzialmente la navigazione delle unità da diporto nelle fasce di mare dove è vietato navigare, a tutela dell’incolumità dei bagnanti (250 metri dalle spiagge – 150 metri dalle coste a picco).

Nel pomeriggio di venerdì due natanti che navigavano in località 40 remi nell’area riservata alla balneazione, venivano fermati e sanzionati dalle unità navali della Guardia Costiera.

Questa mattina sul fronte ambientale, la Guardia Costiera ha sanzionato tre unità da diporto che sostavano a Sperlonga, nell’area marina del Parco Regionale Riviera d’Ulisse, in violazione delle norme che tutelano quell’area di particolare pregio ambientale.

Nel pomeriggio di oggi pattuglie a terra e unità navali della Guardia Costiera sono state impiegate in località Fondi, a tutela della sicurezza della balneazione, per accertare il corretto svolgimento delle attività di kite surf in zona.

Inoltre nel pomeriggio di sabato a seguito di un improvviso peggioramento delle condizioni metereologiche, la motovedetta ed il gommone della Guardia Costiera hanno soccorso, di fronte al litorale di Serapo, un natante da diporto che a causa di un’avaria al motore rischiava di naufragare sulla vicina scogliera di Monte Orlando.

Il gommone, ormai alla deriva, con a bordo M.E. 33enne formiano, veniva recuperato dalla Motovedetta della Guardia Costiera e rimorchiato a Gaeta. Il giovane, provato ma in buone condizioni di salute, veniva raggiunto dai familiari.

“In questi giorni di particolare affluenza turistica si raccomanda la massima prudenza in mare e l’utilizzo del numero blu gratuito 1530 per segnalare ogni emergenza alla Guardia Costiera”.

 

Condividi articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

816.214 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress