Cori spinge sulla raccolta differenziata e sulla salvaguardia dell’ambiente. Richiesti 600mila euro alla Regione in risposta ai bandi per il trattamento dei rifiuti

Raggiunto il 65% di raccolta differenziata, ora si punta oltre: “Grazie ai due bandi regionali – dicono il Sindaco di Cori e l’Assessore all’Ambiente – intendiamo superare la percentuale registrata nel primo semestre di quest’anno e premiare i cittadini virtuosi”

L’amministrazione comunale di Cori, insieme a quelle di Bassiano e Rocca Massima, ha avanzato due richieste di finanziamento alla Regione Lazio in risposta ad altrettanti bandi rivolti ai Comuni per finanziare isole ecologiche e compostaggio. Si è scelto di partecipare in forma associata con altri centri dei monti Lepini, nell’ottica di una proficua collaborazione, e in particolare con Bassiano – capofila dell’associazione ‘Monti Lepini Rifiuti Zero’ costituita dai tre Comuni – che ha già sperimentato positivamente l’uso della compostiera di comunità. I progetti presentati consentiranno benefici in termini economici, perché permetteranno di risparmiare sui costi di smaltimento, e ovviamente in termini ambientali. Nello specifico, il Comune di Cori ha richiesto circa 200.000 euro per l’adeguamento dell’attuale isola ecologica e per la creazione del cosiddetto centro di riuso (una struttura destinata al riutilizzo di beni in disuso, dove cioè è possibile portare oggetti in buono stato che potrebbero essere ancora utilizzati), che sarà condiviso con i Comuni di Bassiano e Rocca Massima.
Per il bando relativo al compostaggio è stato richiesto un finanziamento di circa 400.000 euro finalizzato all’acquisto di impianti innovativi e sicuri per trattare i rifiuti differenziati e ricavare il compost. In particolare, tali fondi verrebbero utilizzati per l’acquisto di una compostiera di comunità, che avrà una capacità di smaltimento dell’umido di 130 t/annue, e di compostiere domestiche dedicate alle utenze che si trovano fuori dai centri abitati di Cori e Giulianello. Altro importante elemento del progetto è un software per il censimento e il controllo del c.d. Albo dei Compostatori da adottare con un unico regolamento, che sarà lo stesso per i tre Comuni associati e che permetterà di introdurre la tariffazione puntuale, così da poter effettivamente premiare i cittadini che differenziano di più. Infine, un mezzo per la raccolta contemporanea di due frazioni di rifiuti, ideale per feste patronali, sagre, manifestazioni con grande afflusso di persone come il Carosello Storico e che sarà al servizio dei tre Comuni.
“La scelta – spiegano il Sindaco Mauro De Lillis e l’Assessore all’Ambiente Luca Zampi – è di potenziare la raccolta differenziata e di scommettere sulla tariffa puntuale, cioè commisurata a quanto si differenzia, attuando politiche che vanno verso l’efficientamento della gestione dei rifiuti e un maggior rispetto dell’ambiente, patrimonio che dobbiamo salvaguardare. Questi progetti – concludono – ci permetteranno di raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati e portare la percentuale di raccolta differenziata oltre il 65% raggiunto nel primo semestre del 2017”.

Condividi articolo