Enrico Tiero sul precariato del Santa Maria Goretti

Grazie a zingaretti i precari del santa maria goretti continuano a stare in uno stato di assoluta incertezza. Bisogna che si faccia chiarezza sulla linea di stabilizzazione decisa dalla regione lazio, ne va il futuro dei ns professionisti e la salute dei ns concittadini e non-utenti.

Si continua a parlare molto, pochi hanno veramente conoscenza di ciò che realmente si sta perpetrando ai danni dei precari del Santa Maria Goretti e nessuno fa nulla. 

Cosa gravissima , La Regione approva le procedure di stabilizzazioni e concorsuali straordinarie prevedendo x latina solo 91 assunzioni tra Medici e infermieri con requisiti secondo Dpcm 2015 mentre nessun posto è riservato al 50% per chi e ‘ in possesso dei requisiti come da Legge 208/2015. 

La regione lazio a fronte della proroga dei contratti fino alla fine del 2018 x i precari della ns provincia (prevista da apposita normativa ) a fronte dei 461 tra medici tecnici di radiologia infermieri ecc, prorogati si adopera per stabilizzarne solo 91 unità.

Zingaretti non si smentisce mai con le sue operazioni che penalizzano la ns provincia.

“Questa è stata l’ennesima operazione da fumo negli occhi ché penalizza gli ospedali e i nostri concittadini utenti. È chiaro che, l’attuale normativa oltre a prevedere un numero esiguo di personale da stabilizzare, esclude molte figure professionali. Come già detto prevedendo la stabilizzazione di 91 unità a fronte delle attuali 461 tra Tecnici di Radiologia, Tecnici di Laboratorio, Biologi, Fisici, Farmacisti, ecc ecc oltre che a figure professionali all’interno dell’area dei Dirigenti Medici. Inoltre non sono previsti Concorsi con riserva dei posti al 50% per i restanti 108 dipendenti individuati dalla Legge 208/2015 . Il modo di fare di zingaretti sulla sanità e molto penalizzante per il nostro territorio, prevedendo la stabilizzazione solo di circa il 20% dei ns precari (tutti professionisti che sono anni che mettono a disposizione le loro capacità x la ns collettività).

Quindi premesso ciò chiediamo a zingaretti ed alla sua giunta di porre rimedio a questo stato di cose con la modifica al dca del 23 dicembre 2016, prevedendo la possibilità’ di stabilizzare tutte le figure precarie che attualmente svolgono attività presso il comparto sanitario della provincia di latina. Quindi passando dai proclami ai fatti concreti.
Noi come territorio provinciale non vogliamo perdere queste professionalità.

Ricordiamo inoltre che a Frosinone e Roma i concorsi asl di stabilizzazione sono in corso, a latina no, zingaretti le facciamo presente che esiste anche latina.

Certo una cosa sicuramente ci conforta, il termine della presidenza zingaretti in regione e’ vicina, se non provvede lui stesso a correggere il tiro sulla sanità pontina sicuramente ci penseremo noi , tra qualche mese quando come centro destra saremo alla guida della regione lazio.

Colgo anche l’occasione per sollecitare il sindaco di latina in qualità di presidente della conferenza dei sindaci sulla sanità, a convocare una apposita conferenza che affronti in maniera incisiva tra gli altri il problema dei precari nella sanità del ns territorio. Spero che coletta inizi veramente a parlare di sanità.

Enrico tiero Coord idea cuoriitaliani

Condividi articolo