L’angolo delle curiosità scientifiche

fermi-eIl cannocchiale fu per lo scienziato pisano, Galilelo Galilei, uno strumento per studiare i corpi celesti. Galileo, l’italico genio, scienziato e  umanista, fu degustatore di pagine letterarie e di immagini artistiche. Fu inoltre un musicista, un critico d’arte.

Galileo Galilei, autore del Dialogo sopra i massimi sistemi, inventore del metodo sperimentale, figura fondante dell’identità italiana al pari di Dante Alighieri, fu protagonista di uno scontro con la Chiesa post-tridentina che lo portò all’abiura della teoria eliocentrica davanti al Tribunale dell’Inquisizione.

Secondo lo scienziato Kip Thorne, che insieme con Ray Weiss e Barry Barish ha vinto il Nobel per la fisica,  con le onde gravitazionali, nei prossimi secoli avremo un nuovo modo di esplorare l’universo che va oltre le onde elettromagnetiche, le onde radio e la luce. Professore di fisica teorica al California Institute of Technology, Kip Thorne ha compiuto studi sui buchi neri, le stelle di neutroni, i cunicoli spazio-temporali, le onde gravitazionali e i gravitoni.

Lo scienziato KipThorne, fisico teorico statunitense specializzato in fisica della gravitazione e astrofisica e uno dei maggiori esperti di relatività generale, è stato consulente scientifico per un film di fantascienza, Interstellar, che prende spunto da vere e proprie basi scientifiche.

Enrico Fermi (Roma 1901 – Chicago 1954), noto principalmente per gli studi teorici e sperimentali nell’ambito della meccanica quantistica, e in particolare della fisica nucleare, è stato il più grande fisico italiano dopo Galileo Galilei e uno dei più grandi scienziati in assoluto di tutti i tempi. Ha costruito una scuola fisica, quella italiana, che ancora oggi primeggia in tutto il mondo. Negli Stati Uniti ha trascorso sedici anni.

Il danese Niels Bohr è stato insignito del Premio Nobel nel 1922 per i suoi fondamentali studi per la struttura atomica e la meccanica quantistica. Il tedesco Werner Karl Heisenberg, Premio Nobel nel 1932 è il padre del principio dell’indeterminazione.

Copenaghen è un testo del drammaturgo inglese Michael Frayn diventato un grande classico del teatro contemporaneo che mette in evidenza i diversi piani di lettura e le infinite e molteplici sfaccettature psicologiche dei personaggi per interrogarsi sulla responsabilità morale e politica della scienza.

L’onda gravitazionale è una deformazione (un dilatarsi e un comprimersi) della curvatura dello spazio tempo che si propaga come un’onda. Le antenne Usa e italiana hanno misurate le onde gravitazionali prodotte dalla collisione di due buchi neri.

Leonde gravitazionali, fenomeno previsto cento anni fa da Albert Einstein con la teoria della relatività, sono state osservate per la prima volta nel 2016 dall’antenna americana Ligo. La conferma è arrivata ad agosto dall’antenna gemella italiana Virgo, interferometro dell’Istituto Nazionale di Fisica nucleare che si trova a Cascina in provincia di Pisa.

Adalberto Giazotto, fisico laureatosi a Pisa e insignito del Premio Fermi, insieme con Barry Barish, uno degli scopritori delle onde gravitazionali, può essere considerato come un vero pioniere di questa importante scoperta poiché ha incominciato a concepire l’idea che ha poi portato a Virgo.

Il 9 agosto 1945 venne lanciata la bomba atomica su Nagasaki. Il 26 aprile 1986 è scoppiata la centrale nucleare di Cernobyl. I due fatti  tragici, Hiroshima e Chernobyl, distanti quarant’anni, hanno in comune la distruzione e la morte nucleare.

a cura di Polan

Condividi articolo