Niente Tmb a Borgo Montello, la vittoria al Tar di Rida Ambiente Fabio Altissimi: “Ora ci auguriamo che la politica smetta di ignorarci

E’ stata scongiurata, almeno per ora, la realizzazione di un impianto Tmb a ridosso della discarica di Borgo Montello. Questo il frutto della sentenza n. 12668  depositata nella mattinata di oggi, mercoledì 27 dicembre, con la quale il TAR Lazio, in accoglimento del ricorso di Rida Ambiente, ha annullato la determinazione della Regione Lazio – Direzione Territorio, Urbanistica, Mobilità e Rifiuti del 12 febbraio 2015, n. GO1217, recante  il rinnovo dell’autorizzazione integrata ambientale alla Eco Ambiente Srl.

Con quell’atto la Eco Ambiente, che è già titolare, in regime di affidamento diretto e di privativa comunale del servizio di smaltimento dei RSU nella discarica di Borgo Montello, avrebbe avuto anche la possibilità di costruire un impianto Tmb per la produzione di Css.

“Grazie a quest’autorizzazione – aveva rilevato Rida Ambiente nel ricorso – la Eco Ambiente estenderà il proprio ambito di attività, senza procedure a evidenza pubblica e senza separazione societaria, da un settore in privativa (smaltimento dei Rsu) a un ambito operante in regime di concorrenza il cui bacino di utenza viene a coincidere con quello in cui opera la ricorrente”.

“Peraltro – il commento di Fabio Altissimi – la stessa Regione Lazio non ha preso in considerazione un dato importante, ossia che Rida Ambiente è a oggi in grado di soddisfare il fabbisogno di bacino. Peccato che il nostro impianto non sia stato preso in considerazione nella pianificazione di emergenza adottata nel Lazio nel periodo 2007/2008, episodio che già nel 2009 era stato ritenuto dall’Autorità Antitrust meritevole di una segnalazione nei confronti della Regione Lazio ed ha comportato, in accoglimento di altro ricorso di Rida Ambiente, il successivo annullamento parziale dello stesso piano di emergenza da parte del TAR Lazio (sentenza n. 11306 del 18 settembre 2015).  Anche ultimamente il nuovo vertice societario della neonata Abc che gestisce la raccolta dei rifiuti nel comune di Latina ha paventato l’ipotesi della costruzione di nuovi impianti per chiudere il ciclo dei rifiuti in provincia. Sono affermazioni che mi lasciano esterrefatto – ha concluso l’amministratore della Rida Ambiente –  perché implicano una non conoscenza del territorio che ricadrebbe sulle tasche dei cittadini visto che realizzare uno o due impianti vorrebbe dire spendere circa 40 milioni di euro che, nel caso di un nuovo Tmb, potrebbero essere tranquillamente risparmiati vista l’esistenza e la funzionalità di Rida Ambiente sul territorio”.

Condividi articolo