Non parlare, baciami. La filosofia e l’amore

de-crescenzoI libri di Luciano De Crescenzo sono veramente gustosi da leggere nelle ore di ozio, propizie al riposo, al rilassamento oppure nei giorni di vacanze al mare sotto l’ombrellone, o in montagna all’ombra rinfrescante di un albero secolare. La sua intera produzione letteraria è un ottimo esempio di divulgazione per qualunque lettore incuriosito dalla filosofia e dalla ricerca di stimoli, informazioni e aggiornamenti su di essa in modo leggero.                           Non parlare, baciami. La filosofia e l’amore (Mondadori editore) è una riflessione arguta e scherzosa sull’amore che secondo l’autore «è un’energia che alimenta il nostro corpo e la nostra mente, e ci consente nel confronto con l’altro di crescere, affinando la nostra individualità». Nell’introduzione viene riportata un bellissimo lacerto del poeta francese, Jaques Prévert: «Amore, noi ti abbiamo dimenticato. Ma tu, non dimenticarci! Non abbiamo che te sulla terra. Non lasciarci morire assiderati… »                                                                                                                                        Molti nel tempo sono stati gli scrittori, i poeti, i filosofi, gli artisti che si sono interessati dell’amore, dei vari significati con tutte le sue sfumature ed iridescenze. De Crescenzo in ogni capitolo del libro affronta un aspetto dell’amore, un sentimento umano che è presente nella storia dell’uomo fin dal tempi dei miti, dei racconti sulle figure mitologiche di dei, di ninfe come Apollo e Dafne, Eros e Afrodite.                                                                                                                                                               Alla fine di ogni sezione, con riferimento a Ovidio, il poeta dell’Ars Amatoria, l’autore partenopeo si sofferma con riflessioni ironiche, e talvolta anche sarcastiche, sui vari aspetti e argomenti dell’amore (luoghi in cui è possibile incontrare donne, personaggi come la ruffiana, la più bella tra le belle, come può avvenire la conquista delle donne, le tattiche di seduzione per conquistare un uomo, l’adulazione, la bellezza ecc).                                                                                                      L’autore, appassionato di filosofia, affronta il tema dell’amore ideale con riferimento a Omero, a Empedocle, a Platone, ad Aristotele, a Esiodo, scrittori che nelle loro opere hanno trattato con coraggio e acume la problematica dell’eros, compreso l’amore omosessuale. De Crescenzo non tralascia di argomentare sull’amore universale e sul peccato originale di Adamo ed Eva servendosi delle idee filosofiche di Gorgia, di Feuerbach, e soprattutto di Agostino e di san Francesco che nelle loro rispettive opere, Confessioni,  Città di Dio e Canticum, parlano dell’amore assoluto, perfetto e senza limiti verso Dio e dell’amore universale verso la natura come creazione divina.                            Anche l’amore per se stessi viene ampiamente presentato con riferimento alla disputa tra filantropi e narcisisti, tra coloro che nella loro vita (come Gesù) si sono dedicati con abnegazione al prossimo e coloro che si sono ripiegati verso se stessi (come il personaggio mitologico Narciso). Nell’approfondire il fenomeno del narcisismo, interessanti sono gli accostamenti che l’autore fa al selfie e allo smartphone come espressioni dell’egocentrismo e narcisismo della nostra epoca contemporanea.                                                                                                                                            L’amore “cortese”, consumato nelle corti, fin dal XII secolo, si manifesta con l’attesa, con quell’incantesimo, di cui parla Roland Barthes nei Frammenti di un discorso amoroso, che ha caratterizzato la vita di Penelope e Ulisse, le storie amorose di Ginevra e Lancillotto (uno dei cavalieri del re Artù),  di Paolo e Francesca (raccontata da Dante nel canto V dell’Inferno), di Pietro Abelardo innamorato dell’allieva Eloisa.                                                                                              L’autore, servendosi degli studi dell’antropologa americana Helen Fisher e del padre della psicanalisi, Sigmund Freud, sostiene che ci si innamora con il cervello e che l’innamoramento si colloca nella sfera dell’irrazionale. A sostenere questa tesi viene narrata, con una particolare capacità affabulatoria,  l’esemplare storia di Amore e Psiche, personaggi egregiamente raffigurati dalla scultura di  Antonio Canova.                                                                                                                  Per parlare del dolore dell’amore, De Crescenzo immagina di conversare animatamente con il teologo san Girolamo, sostenitore della tesi che il poeta latino, Lucrezio, autore del De rerum natura, vittima di lusinghe ingannevoli, si fosse suicidato perché non sopportava il dolore di essere stato abbandonato da una donna.  Così l’assenza dell’amore si trasforma in una fonte di grande sofferenza, come dimostra anche la storia dei nostri giorni di Cesare Pavese, morto suicida forse per una forte delusione d’amore.                                                                                                                             Gli uomini, nonostante la sofferenza, non potrebbero vivere senza amore che può arricchire la vita, essere consolatorio ed esistere in eterno attraverso l’unione matrimoniale. Per dimostrare quest’ultimo pensiero, De Crescenzo racconta il rapporto di amore che il re maya, Jasaw Chan K’awiil, ebbe con la moglie; si serve delle argomentazioni del filosofo Fichte sul ruolo della donna all’interno del matrimonio, definito come «intera fusione di due individui ragionevoli in uno». Sposarsi è un dovere sociale e «rimanere celibi è una grande infelicità». Per il pensatore tedesco il matrimonio è una “unione perfetta”, è «il punto d’unione più intimo della natura e della ragione», mentre per Kant è una “unione sessuale” che consente la riproduzione ed evita l’estinzione della specie umana.                                                                                                                                                    Nella minuziosa e puntuale trattazione dell’amore non poteva mancare l’attenzione all’amore incondizionato che si prova per i propri figli, per i cani, per una squadra di calcio (unica passione che non conosce tradimento), per un città, per una divinità. Esempi storici di amore incondizionato sono senza alcun dubbio Socrate e Gesù che godettero dell’ammirazione dei loro discepoli e furono condannati a morte senza rinunciare a ciò che avevano professato nel corso della loro esistenza. L’amore di Gesù verso il prossimo era totale, assoluto, senza condizioni.                                                Le ultime riflessioni dell’autore riguardano il pensiero che amore e morte sono due costanti della vita di ogni individuo, perché ogni persona nella sua esistenza può innamorarsi e sicuramente “non può” evitare la morte.                                                                                                                          Nell’epilogo De Crescenzo precisa che l’intento del suo libro straordinario e ben scritto, Non parlare baciami. La filosofia e l’amore, non riguarda l’amore inteso in senso passionale, ma ha inteso riferirsi all’Amore per la vita che forse costituisce «l’unica forma di amore che ci rende davvero liberi», perché è nello stesso tempo «dedizione, crescita, esplorazione, conoscenza, passione e  condivisione».

Antonio Polselli

 

 

 

 

Condividi articolo