Poesie in libertà 3° Festival della Poesia

poesie-in-libertaNella suggestiva Piazza Giovanni XXIII del Comune di Priverno, accanto alla Fontana dei Delfini, si è svolto, per il terzo anno consecutivo, il Festival della Poesia che ha registrato con soddisfazione, da parte dei promotori e organizzatori (l’Associazione culturale, Gruppo Arte Libera), un felice esito per la viva partecipazione di poeti locali e non, che hanno recitato le loro liriche nei vari dialetti di origine, accompagnati dalle voci declamatorie di Tiziana Pietrobono (mente e anima della manifestazione), Anna Di Giorgio, Stefano Silvestri, Federico Pilloni e Mario Giorgi (con la sua brillante performance recitativa su Dante Alighieri, X Canto dell’Inferno)                                                                                                                                                                 Un pubblico attento, divertito e acclamante, ha seguito con interesse lo svolgersi della manifestazione, dall’inizio alla fine, accompagnata dalle originali musiche di Fabiana Giangregorio ed Eleonora Brusca, rispettivamente eseguite con la marimba e con il violino, e dalle eleganti danze di Claudia Pilloni e Giuseppe Lia. Una stupenda festa, all’insegna di un cocktail di linguaggi poetici, musicali e coreutici, alla presenza del sindaco  Anna Maria Bilancia e all’Assessore alla Cultura Sonia Quattrociocche.                                                                                                                                                           La serata ha visto il suo coronamento con la pubblicazione del libro Poesie in libertà Terzo Festival della Poesia che, nel raccogliere tutte le poesie e gli spartiti musicali, è stato impreziosito dalle fotografie di Carlo Picone e Angela Pacchiarotti  e dalle immagini delle opere pittoriche (acquerelli) di Tiziana Pietrobono.                                                                                                                                       Il segreto del successo dell’evento culturale è stato tutto nel lavoro di squadra del Gruppo Arte Libera, nell’affiatamento corale degli organizzatori-animatori e nella attenta e diligente cura di ogni dettaglio inerente la location prescelta, l’addobbo floreale, le luci ben distribuite, l’acustica, l’amplificazione sonora. Un autentico capolavoro organizzativo senza sbavature, senza retorica, senza eccessi.                                                                                                                                                                             La caratteristica più importante e originale del Festival è stata la centralità del poetare in dialetto, in particolare, quello privernate che ha come numi tutelari gli indimenticabili poeti, i pipernisi, Angelo Di Giorgio e Carlo Volpe, cantori della quotidianità popolare di Priverno. Le loro sillogi sono diventate nel tempo patrimonio linguistico e culturale  dell’intera comunità privernate. Versi, frasi, parole, espressioni vernacolari sono conosciuti e recitati a memoria da molti concittadini, fanno parte ormai della nostra cultura antropologica.                                                                                Questa nostra epoca, caratterizzata dal globish della rete e dal linguaggio televisivo, giornalistico di massa che impone una lingua italiana standardizzata, ha isole felici di resistenza in difesa del dialetto, come “genere letterario”, e della parlata locale che trasfondono frammenti di una antica storia culturale, di costume, di usi e di tradizioni che non possono essere messi da parte o dimenticati dalle nuove generazioni.                                                                                                                              Il dialetto è uno dei maggiori tratti distintivi della comunità locale, dove ciascun membro trova la propria storia, le proprie origini e un sentimento sociale molto forte. I dialetti, con la loro ricchezza semantica, sono lingue molto figurate, ricche di metafore spesso, accompagnate da gesti e suoni onomatopeici che rendono estremamente vivo il linguaggio, fatto per la trasmissione orale del sapere. Il dialetto, che è una lingua territoriale esistita prima di noi, che ha un retaggio di influenze e di testimonianze immenso, è l’anima nobile di un popolo. Diceva Pier Paolo Pasolini che «Il dialetto è il popolo, e il popolo è autenticità». Il dialetto permette di conservare le tracce di un’antica autenticità legata alla propria  terra natia, di non svilire i rapporti fatti di  un genuino tessuto culturale unificante, di mantenere la freschezza di antiche abitudini e di autentici  e spontanei scambi umani                                                                                                                                                        I dialetti, lingue alternative all’italiano, posseggono una tradizione non meno colta della lingua; come non ricordare la produzione letteraria di Gioacchino Belli, Carlo Porta, Trilussa, Cesare Pascarella, Salvatore Di Giacomo, Ignazio Buttitta, Pier Paolo Pasolini, Tonino Guerra e tanti altri. Ha scritto il critico letterario Franco Brevini: «È negli scaffali della poesia dialettale che dobbiamo cercare gli esiti più alti della produzione letteraria novecentesca».                                                              Sulla base di queste considerazioni, è auspicabile che il Festival della Poesia di Priverno nel futuro continui ad esistere, a migliorarsi e a qualificarsi sempre di più nel panorama delle manifestazioni culturali del nostro territorio, e non solo, per la crescita culturale, civile e sociale della comunitas dei cittadini di Priverno città d’arte lepina.

Antonio Polselli

 

 

Condividi articolo