POVERA ITALIA

screenshot-2018-05-05-11-40Prima o poi doveva capitare. Se poi vi è manchevolezza dai nostri rappresentanti – e quindi del governo – in ambito europeo, di alzare la voce verso le varie imposizioni che adotta l’Europa contro la nostra nazione…

 

Il settore che ne subisce maggiormente è L’AGRICOLTURA, tutto ciò che riguarda i nostri ECCELLENTI PRODOTTI (invidiatici da tutti e pur imitati e falsificati) trovano sempre qualche denigratore ed, infine, ecco le penalizzazioni su prodotti genuini – mentre sono ammessi quelli di paesi che usano sostanze artificiali e non genuine.

 

Se a questo andiamo OGGI ad assistere allo sfacelo politico dei partiti – per una bella poltrona che ti frutta PENSIONI E VITALIZI (da eliminare; è una vera ingiustizia verso chi lavora e paga i contributi per una vita per una pensione, a volte, inadeguata a quanto versato negli anni).

 

In presenza di tale VACATIOgiunge la grande performance del presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker, di soli due-tre giorni fa: ‘Tagli a regioni e agricoltura, più risorse per migranti’.

 

Il quadro pluriennale 2021-2027 prevede, altresì, uno stop ai finanziamenti per i paesi membri che violano lo stato di diritto. Si sono levate alcune proteste mentre “UDITE, UDITE” in Italia Pd e M5s d’accordo.

 

Un taglio alla spesa di ca. il 5% sui fondi di Coesione e sulla Pac. Di contro: incremento dei fondi per i ‘migranti’ con un aumento dai 13 ai 33 miliardi di €uro, con premi agli Stati che mostrano maggiore solidarietà nell’accoglienza. (Così noi – pardon – lo stato italiano arricchisce le Coop).

 

Ecco dove siamo giunti…sul limite del precipizio. Tra l’€uro, l’Europa di Bruxelles e di chi assiste inerme ad un saccheggio sugli italiani – ma loro di quale nazione sono???

 

A cura di Eugenio Benetazzo.

Condividi articolo