IL PROBLEMA DELLE DISCARICHE NEL LAZIO.

image

Giovedi 25 settembre 2014, alla Pisana, presso il Consiglio Regionale del Lazio, si è trattato circa la realizzazione di una discarica a Lazzaria, precisamente nella zona dei Cinque Archi tra Velletri ed Aprilia. ​
All’audizione, in Commissione Ambiente, ha partecipato oltre al Consigliere Regionale Giancarlo Righini, il Sindaco di Velletri Fausto Servadio ed alcuni membri della sua giunta, un delegato della provincia di Roma, il presidente della commissione ambiente On.le Panunzi, l’assessore all’ambiente della Regione Lazio On.le Civita, componenti della commissione ambiente regionale e l’Associazione Produttori Agricoli del Lazio ( AS.P.A.L. ) rappresentata dal presidente Giammatteo ed il vice presidente Fabio Caponecchi . ​
Tra i vari interventi il presidente dell’Aspal Giammatteo Stefano ha evidenziato l’importanza, nel comparto agricolo, del territorio dei Cinque Archi, con prodotti di eccellenza come il doc castelli romani, l’igp kiwi latino, il dop per l’olio d’oliva; tali produzioni non avrebbero piu’ valore e prestigio, come le migliaia di ettari di quel territorio così produttivo. ​Altro dato di rilevanza sono le sorgenti di Carano e Giannettola, a cavallo dei Comuni di Aprilia, Velletri e Cisterna, che riforniscono acqua a tutti i comuni limitrofi di quel bacino; le stesse verrebbero inquinate con gravi conseguenze per tutta la cittadinanza dei comuni sopracitati.
A ridosso della zona interessata per la discarica, è altresì presente un’azienda di cavalli da corsa puro sangue a livello europeo, che fornisce lavoro a centinaia di persone e, con una discarica a confine, vedrebbe altamente compressa la propria esistenza.​A conclusione dei lavori emerge il problema della non concessione di autorizzazione alla discarica, così come individuata, per il grave impatto, oltre che ambientale ed economico che verrebbe a danneggiare un territorio così qualificato e produttivo.​

Condividi articolo