Questura di Latina, truffata donna a Cisterna, denunciati madre e figlio campani

Nel pomeriggio di ieri, personale della Polizia di Stato, della Sezione Anticrimine del Comm.to P.S. di Cisterna, ha denunciato per truffa C.T. del 1961 e C.A. dell’84, madre e figlio entrambi nati a Napoli. I due, già noti alle forze dell’ordine, sono truffatori seriali che operano in tutta Italia, utilizzando sempre lo stesso modus operandi.

L’uomo di bell’aspetto, frequentatore di villaggi turistici, avvicina donne sole, con difficoltà familiari; corteggiandole riesce a carpire la loro fiducia sino ad istaurare un rapporto di stipo sentimentale, fino al punto di farsi ospitare nelle loro abitazione e ricevere delle piccole somme di denaro in prestito.

Improvvisamente, l’uomo sparisce causando senso di smarrimento alla ignara vittima e lasciando il campo alla di lui madre, la quale, fingendosi avvocato di fiducia, racconta di fantomatiche difficoltà legali e finanziarie del giovane arrivando ad ottenere in maniera truffaldina ulteriori e più cospicue somme di denaro in suo aiuto.

La truffa questa volta ha colpito una donna del ‘69 di Cisterna, che il giovane conosce in un villaggio estivo in Calabria. Oltre al denaro, i due indagati riescono ad ottenere dalla 49enne anche oro e gioielli.

Raccolta la denuncia di alcuni familiari della vittima, accortisi dell’accaduto, gli investigatori della Polizia di Stato sono giunti con un indagine lampo ad individuare e bloccare i due truffatori campani per i quali è scattata la denuncia all’A.G. di Latina per truffa.

Latina, 20 settembre 2018 Il Responsabile dell’Ufficio Stampa

Condividi articolo