Ragazza morta dopo essere stata risucchiata dal bocchettone della piscina a Sperlonga „

E’ morta dopo essere stata trasportata in condizioni disperate al Policlinico Universitario Agostino Gemelli. Non ce l’ha fatta una ragazza di 13 anni, originaria di Frosinone, che ieri è stata soccorsa nella piscina di un hotel di Sperlonga dopo essere stata risucchiata da una delle bocchette di asprazione della piscina. E’ deceduta alle 4 della notte all’ospedale romano dove era stata trasportata in elibulanza

Ragazza morta dopo essere stata risucchiata dal bocchettone della piscina a Sperlonga

I fatti sono accaduti qualche minuto dopo le 17:00 di mercoledì 11 luglio. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri la 13enne, studentessa di Morolo Comune del frusinate, stava facendo il bagno quando è stata risucchiata da una delle pompe di aspirazione della piscina.  Non appena si sono accorte di quanto stava accadendo, alcune delle persone che erano in piscina l’hanno portata fuori, non senza difficoltà; sul posto era presente un medico che l’ha rianimata. Subito è stata trasportata in eliambulanza presso il nosocomio universitario romano.

Disposta l’autopsia

Il corpo della piccola è ora a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che disporrà l’autopsia anche per chiarire se la ragazza abbia avuto un malore prima dell’incidente in piscina. Sul caso stanno indagando i carabinieri che nel pomeriggio di ieri hanno sequestrato la piscina dell’albergo. (da Latina today)

Condividi articolo