Ripristino dell’impianto di condizionamento della biblioteca comunale


In merito al disservizio per il mancato funzionamento dell’impianto di climatizzazione a servizio della biblioteca Aldo Manuzio l’Amministrazione comunica che si tratta di un guasto di cui l’Ufficio Manutenzioni è stato informato lo scorso 7 giugno dalla ditta incaricata della conduzione e manutenzione degli impianti termici e di condizionamento degli edifici di proprietà comunale. I tecnici della ditta, in sede di controllo periodico della funzionalità dell’impianto, hanno rilevato la rottura della scheda madre di controllo elettronico e del display remoto di comando del gruppo frigo nonché la bucatura determinata da scariche elettrostatiche di una delle due batterie condensanti.

 

Preso atto del guasto il personale dell’Ufficio preposto si è adoperato per risolvere il problema privilegiando soluzioni tempestive e dai costi contenuti anche al fine di contenere i tempi del disagio provocato all’utenza della struttura.

I tempi di consegna della batteria condensante da sostituire, così come indicati dalla casa produttrice della stessa, sono di circa quattro settimane dall’ordine che è stato inoltrato il 7 giugno, appena appreso del guasto. La scheda madre e il display di comando del gruppo frigo, invece, verranno prodotti e consegnati entro la prossima settimana.

 

Per quanto sopra si è pertanto deciso di procedere immediatamente alla sostituzione della scheda madre e del display di comando del gruppo frigo in modo da riattivare l’impianto al 50% della potenza, in attesa dell’arrivo della batteria per il completamento dell’intervento che costerà complessivamente € 9.507,40 (+Iva).

 

Circa la possibilità di prevenire queste emergenze va sottolineato che la tenuta in efficienza degli impianti al servizio degli immobili comunali, in generale, presuppone la pianificazione dei controlli degli standard di efficienza che è possibile assicurare soltanto se, in via preliminare, il Comune è dotato di:

– “fascicolo del fabbricato” recante non solo lo “stato di fatto” di ciascun immobile, ma anche il “censimento” ovvero l’evoluzione dinamica dello stato di manutenzione;

– risorse tali da consentire appalti pluriennali, un monitoraggio continuo e la pianificazione degli interventi.

 

Quanto esposto costituisce uno degli obiettivi del vigente Piano Esecutivo di Gestione assegnato agli Uffici dalla Giunta.

Condividi articolo