SATURA LANX (PIATTO ASSORTITO)                                                              di Giorgio Maulucci

ANIMALISMO O “UMANISMO” ?
Non ho mai accettato l’omeopatia e tutte le misure alternative o sostitutive alla/della scienza dicasi chimica. Da giovane soffrivo terribilmente di emicrania; allora prendevo l’ Optalidon, un cachet ordinario. Mi lasciai convincere ad andare da uno specialista omeopatico, seguii la cura; dopo sei mesi, persistendo l’emicrania, tornai all’Optalidon ed ebbi la conferma: Res non Verba! Desolato, da ultimo, nel sentire di un padre che magnificava la scelta di non vaccinare i suoi figli, sottrarli a latte, carne ed altro, ho dedotto e collegato atteggiamenti del genere a quelli degli estremisti o extraparlamentari di sinistra marca ’68 ovvero ad uno snobismo altamente borghese, pseudo rivoluzionario ed allucinatorio, per altro verso,ad  una deformazione mentale. Sono sempre stato per la libera scelta anche per il battesimo e prima comunione: solo in età della completa acquisizione delle ragione. I vegani? Mah, molto critico: astenersi dal mangiare carne per il bene dell’animalismo?! Mi pare che anche col voto di castità non sempre ci si riesca (per il sesso, solitario o no)! Che dire di quegli eccessi commessi dagli umani che escludono i loro simili da privilegi o accortezze ampiamente concessi, invece, ai loro domestici animali fino alla morbosità e ridicolaggine? Si dice: sì, perché loro, gli animali, ti danno più degli umani. Sarà pur vero, ma il rapporto relazionale è anche più semplice. La si metta come si vuole ma mi pare che siamo arrivati alo stesso de-grado e disfacimento provocato dalla tecnologia nessi e connessi (basta sentire le orribili notizie delle cronache quotidiane). Un’umanità impazzita, esaltata ed attratta dall’ eccesso; giocando sulle parole e indulgendo ala rima, letteralmente caduta e buttata nel cesso. In sostanza, lo diceva già Aristolete, l’uomo è un “animale politico”,dunque, un homo animalis. L’uomo spirituale è una concezione metafisica.
“La metafisica pensa l’uomo a partire dalla animalitas, e non pensa in direzione della sua humanitas” (M. Heidegger).

Inizio modulo

MA QUESTO NON E’ IL PAESE DI PULCINELLA

Per il semplice motivo che Pulcinella è una maschera nobile e onorevole, emblema di un’Italia autocriticamente consapevole dei suoi difetti. Ciò che oggi non è affatto certificabile, dunque, non si offenda la celebre maschera. Purtroppo l’immagine  dell’’Italia attuale può dirsi grottesca -da non confondersi con il genere pittorico a fresco-,  un’immagine deformata dal malcostume quotidiano, dal risvolto altrettanto grottesco delle scelte politiche e di quanto viene contrabbandato ed usurpato, ora ci vuole, al popolo, in primis da Grillo, esempio tragico del grottesco. Da ultimo, dalla Cassazione, esempio di un disarmante “umorismo” ovvero di quel “sentimento del contrario” di cui scrive Pirandello nel suo famoso saggio. La Cassazione come la Madonna, con un doveroso inchino alla mafia. Umanità? Parliamo di ridicolo o di umorismo? Nella famosa Ode “La caduta”, il Parini, ad un passante si suppone non raccomandabile che lo aiutò a rialzarsi per avere inciampato, ringraziandolo disse: “Umano sei, non giusto”. E si continuino a leggere i classici, per favore, anziché smanettare e fornicare con tutti questi marchingegni del c… (che pure ha una sua utilità)!

PENSIERO-STUPIDENDO
Sarò stupido, ma da qualche tempo ho un pensiero che, finora, non ho manifestato prevedendone le reazioni. Dopo Manchester e Torino, le balle ridotte a peperino da tutte le chiacchiere mediatiche da non poterne più -oramai salvo solo l’Annunziata, della quale elogio la bruttezza visto che la bellezza, in Italia, oramai è sinonimo di belletto-, non mi trattengo. Mi chiedo: non sarà il caso di piantarla con tutte le mega manifestazioni o bagni di folla (compresa Piazza S.Pietro) in nome della menata che non bisogna cedere alla paura e non darla vinta ai terroristi islamici? Scusate, in tempo di guerra non c’era il coprifuoco? Che cosa significava? Nel caso attuale, può essere previsto-concepito un coprifuoco o no? Stiamo ancora a discutere sulle strabilianti misure di sicurezza? Siamo o non siamo un paese del c….? Che come gli eroi dei fumetti deve dimostrare di non farsela addosso per la paura? Inutile discutere delle responsabilità dell’Appendino, del Questore o quant’altri. Ci si chieda il senso del mega schermo per una partita e conseguente raduno di migliaia di persone. Dimostrare che l’Italia s’è desta o si desta ad ogni colpo di tifoseria o di altro? “Il paese dei campanelli” è il titolo di una simpatica operetta. Lo adotterei tranquillamente come slogan turistico del fu bel paese. I “campanelli” sono i politici, che suonano senza soluzione di continuità per avvertire che non cesseranno mai di trapanarci le orecchie e romperci con  i timpani anche i c….

 

ITALIA-GERMANIA : 0-7

Incredibile, deprimente e sconcertante lo spettacolo che la politica-i politici di questo paese continuano a dare. Incompetenza, arrivismo, opportunismo e grande bestialità. Ha ragione Sgarbi: tra tutti, Grillo e 5Stelle (da lui sarcasticamente definito “un albergo”!) inqualificabili per subdolo anonimato politico, evidente pericolo fascista, assoluta incompetenza e pretenziosità (la Raggi, a Roma, “un disastro, un vero dramma”). Avete visto-ascoltato,  a 81/2, quel deficiente dei cinque stellati (non ricordo il nome,Bonvento?), fatto nero da tutto il parterre, persone serie, perfino dalla Lilli per le enormi cazzate e sull’economia e sulla politica che diceva? Perfino  Scanzi lo ha atterrato. Riconosco che, stavolta, “schizzetto” (così lo chiamo), ha detto cose molto sensate tali da non sembrare neppure un “travagliato” del/dal Fatto! Tutti da buttare via, senza pietà. Eppure, qualcuno ci vuole: chi dovremo trat-tenerci?! A questo punto opterei per un “convitato di pietra” (bella anche la stoccata che Sgarbi ha dato a Di Pietro, altro fantoccio e goffo pagliaccio della politica nostrana). Lady B (un’ammiratrice) continua a chiedermi “perché tanto veleno nei confronti di Grillo”: non è veleno, cara Lady, è semplicemente un civile risentimento nei confronti del nulla. Di un subdolo, maldestro scimmiottamento tribunizio che ha solo la parvenza di un’adesione popolare ma che, in realtà, altro non è se non crassa ignoranza, vistosa arroganza, spasmodica aspirazione dittatoriale; ignobile castrazione della vera politica. Non so delle credenze della Lady ma se pure fosse atea o pagana non indulga, prego, ad adorare gli dei falsi e bugiardi. No, Grillo proprio no. Tra tutti, lui senz’altro e subito al rogo. Per malafede, malagrazia, malefatte; per impostura e simonia. La sua creatura, la Raggi,la si immerga nella Fontana di Trevi, nuda, a bagno-maria, versione aggiornata de “La sirenetta”, sicuro richiamo per i turisti: pensate a quante monete getterebbero, un introito per il comune che nemmeno se lo sogna. E allora, chi dobbiamo tenerci? Tutti o nessuno? Insisto e ribadisco: io proporrei il commissariamento dell’Italia, senz’altro col sistema tedesco,dunque,  Merkel. Buono per loro, il sistema, dubito che lo sia, -per le elezioni- altrettanto per noi; semmai fosse o sarà, funzionerebbe come il sistema del totocalcio una volta in voga per le schedine (non so oggi). Gentili signori e signori, la Repubblica oramai è un sogno e i sogni altro non sono che sogni.

 

 

 

Condividi articolo